Incredibile!!!!!! gli obesi sono pessimisti e con scarsa autostima!!!!!!

Per gli ottimisti dimagrire è più difficile, sovrappeso e obesità non li preoccupano

Fonte: www.adnkronos.com

Affrontare la vita col sorriso non mette al riparo dai problemi, specie se si tratta di perdere i chili di troppo. Per chi è troppo ottimista, infatti, dimagrire può diventare molto più difficile. Un team di ricercatori giapponesi lo ha scoperto attraverso a uno studio pubblicato su ‘BioPsychoSocial Medicine’, che rivela come le caratteristiche psicologiche possano influire sulla perdita di peso. Il team di Hitomi Saito della Doshisha University ha esaminato il profilo psicologico di 101 obesi sottoposti a un programma che prevedeva counselling, dieta mirata e attività fisica presso il Kansai Medical University Hospital Obesity Clinic per 6 mesi.

Un lavoro che ha comportato anche il monitoraggio – attraverso questionari – dei pazienti selezionati, sia prima che dopo il soggiorno in clinica, per avere un quadro preciso della loro personalità e di eventuali variazioni. Ebbene, si è visto che i pazienti in grado di migliorare la propria autoconsapevolezza attraverso il counselling sono risultati più inclini a perdere peso rispetto agli altri. L’ottimismo e l’attenzione verso se stessi sono migliorati per molti pazienti nel corso del programma, anche se questo non ha comportato la perdita di peso. Anzi, i pazienti che erano entrati in clinica più ottimisti e sicuri di sé sono riusciti a dimagrire meno degli altri.

I risultati suggeriscono che qualche emozione negativa ha un effetto positivo sulle modificazioni del comportamento, perché i pazienti sono più attenti al loro problema. In generale, comunque, l’iniezione di ottimismo sperimentata da molti pazienti in cura non è stata necessariamente negativa, dal momento che aiuta i pazienti a rispettare il corretto stile di vita impostato in clinica. “E’ importante potenziare l’autocontrollo e l’attenzione verso sé stessi, per ridurre lo stress psicologico e conservare la nuova taglia”, scrivono i ricercatori.

Con poca autostima da piccoli si diventa obesi da grandi

Fonte:http://italiasalute.leonardo.it/

Si diventa più facilmente obesi da grandi se da piccoli si nutriva una scarsa autostima e non si aveva un’immagine positiva di sé, del proprio corpo e delle proprie capacità e qualità.
Questo è quanto afferma una ricerca inglese, precisamente del King’s College di Londra, che negli anni Settanta aveva cominciato a monitorare 6500 bambini che allora avevano dieci anni, seguendoli poi per i vent’anni successivi.
Grazie a questo screening, i ricercatori hanno potuto constatare come quei bambini che avevano scarsa stima e considerazione di sé nell’età dello sviluppo, erano più propensi al sovrappeso e all’obesità da adulti. Gli studiosi hanno tratto questa conclusione in base alla registrazione nell’arco di vent’anni dei dati riguardanti i soggetti del campione: queste informazioni riguardavano il peso, l’altezza e la valutazione psicologica degli individui studiati.
I risultati di questa ricerca britannica sono stati recentemente pubblicati sul periodico “BMC Medicine” e provano che non sono solo il metabolismo e le cattive abitudini alimentari le cause dell’obesità, ma anche la scarsa autostima e i fattori psicologici.
L’aumento di peso è favorito da una crescita e da un’adolescenza difficili, caratterizzate da paure, eccessiva emotività, scarsa capacità di stare bene con se stessi e con gli altri.
Normalmente sono la famiglia e gli amici veri che possono aiutare un ragazzo o una ragazza a scoprire le proprie qualità, a volersi più bene e ad adottare uno stile di vita sano. Tuttavia la società tecnologica degli ultimi 50-70 anni ha prodotto l’isolamento degli individui e la disgregazione di molti nuclei familiari: non ci si parla più e non è infrequente che in casa, alla sera ad esempio, ogni membro della famiglia guardi da solo un differente programma televisivo anziché stare insieme a genitori, nonni e fratelli.
Se non ci si parla più e non si è correttamente guidati a stimare se stessi e il proprio corpo si può instaurare un pericoloso circolo vizioso, per cui ci si vede brutti da bambini e adolescenti, ci si disinteressa del proprio aspetto fisico, non si riesce ad avere amici con cui si stia bene insieme e allora ci si butta sul cibo come un’attività che si può svolgere in solitudine e che può dare un appagamento momentaneo dei sensi. Si finisce, perciò, per mangiare male e anche quando non si hanno né fame né necessità di nutrirsi, ma lo si fa solo per fare qualcosa, qualcosa che lì per lì può far sentire bene e che rappresenta per il soggetto con scarsa autostima un’attività che egli riesce a compiere senza difficoltà particolari.
La soluzione a questo problema è nell’educazione, nella famiglia, negli amici: tutti fattori chiamati a concorrere alla corretta crescita di ogni persona. Tutti possiedono dei talenti, ma è importante saperli scoprire, valorizzare e apprezzare grazie al supporto di chi ci è accanto e di chi ci vuole bene davvero.
Proposta “indecente”: spegniamo la televisione almeno una sera a settimana e parliamo con i nostri amici e familiari. Scopriremo che è molto meglio che guardare una fiction o una partita di calcio e che ci aiuta a migliorarci e apprezzarci.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Ci studiano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Incredibile!!!!!! gli obesi sono pessimisti e con scarsa autostima!!!!!!

  1. anonimo scrive:

    incredibile!

  2. anonimo scrive:

    non è incredibile, la sua verità è proprio nella schiettezza con la quale è&nbsp;esposto il problema..se chi si riconosce in queste problematiche scrutasse un pò più a fondo in s&egrave;, scoprirebbe quanto sono vere le affermazioni dell’articolo…mi ci ritrovo. e purtroppo, nonostante io sia in grado di fare questa stesa autoanalisti in  autonomia., non so risolvere il problema…la&nbsp;scarsezza della propria autostima dipende fondamentalmente da chi ci circonda e da quanto queste ci amino o ci vogliano sottomesse..io&nbsp;che avevo una forte autostima mi sono vista schiacciata da un marito che ne aveva paura, perchè temeva di perdere il suo controllo su di me, e quindi di perdermi. il risultato è che sono diventata vittima grassa infelice incastrata all’interno di una struttura familiare che mi opprime e mirende infelice. Dovei riuscire a ritornare bella&nbsp;e magra come ero un tempo? E’ proprio per scongiurare questa paura altrui che mi hanno distrutta oltre che nel fisico anche nella psiche e non riusco più&nbsp;a ritrovare la mia autostima. AH, a proposito<. a 26 anni ho perso mia madre di cancro, lunica persona nella mia vita che sia sempre stata capace di stimolarmi e convincermi a credere in me, quando ne avevo bisogno… 

  3. anonimo scrive:

    Mi riconosco molto in questo articolo. Sto facendo un percorso di psicoterapia perché con il passare degli anni i miei disturbi dell’ansia sono peggiorati e quello che sto affrontando ora è proprio la mia disistima. Dovrei perdere 15 chili ma non c’è verso, la mia dieta dura un giorno…
    Lu

  4. odiobotero scrive:

    Il mio \”Incredibile&quot; era naturalmente ironico…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.